Italy-China, Technology & Innovation Week 2016 – 25-27 ottobre 2016

Si è conclusa giovedì 27 ottobre, con straordinario successo, la seconda ed ultima giornata napoletana dell’ITALY-CHINA SCIENCE, TECHNOLOGY & INNOVATION WEEK 2016 dedicata all’Italy-China Innovation Forum, il più grande evento europeo di networking e business matching in ricerca ed innovazione, che ha già visto protagoniste Bergamo e Bologna, per promuovere un confronto continuo tra Italia e Cina sui temi dell’innovazione, della scienza e della tecnologia e per costruire partenariati tecnologici, produttivi e commerciali nei contesti innovativi ricerca-impresa dei due Paesi.

La cerimonia conclusiva si è svolta in una Sala Newton gremita di investitori, imprenditori e ricercatori cinesi ed italiani alla presenza dei Ministri alla Ricerca Stefania Giannini e Wan Gang.

Ad aprire i lavori il Consigliere Delegato di Città della Scienza Vincenzo Lipardi che, dopo la performance musicale degli studenti italiani e cinesi del Conservatorio di Napoli San Pietro a Majella, ha rivolto ai presenti un caloroso benvenuto nella città di Napoli. Il Consigliere Delegato ha sottolineato la capacità di Napoli di coniugare la musica, l’arte e la propria storia millenaria con una forte spinta verso l’innovazione, come testimonia l’impegno nella cooperazione scientifica promosso da Città della Scienza.

Lipardi ha rivolto un particolare ringraziamento al Ministro Wan Gang per la decennale e proficua collaborazione, al vice presidente BAST Tian Wen e a Cao Jianye, Counsellor for Science and Technology dell’Ambasciata Cinese in Italia. “Grazie ad iniziative come l’Italy-China Week, l’Italia è oggi un partner sempre più credibile per la Cina, così come la Cina lo è per l’Italia” ha aggiunto il Consigliere Delegato, “entrambi i Paesi comprendono che la valorizzazione delle rispettive culture, dell’arte e del patrimonio storico-culturale deve essere combinata con la scienza, l’innovazione e la tecnologia.

È quindi intervenuta Yan Aoshuang, Direttore Generale Beijing Municipal Science & Technology Commission, che, a nome della Municipalità di Pechino, ha sottolineando come la capitale cinese sia diventata un centro fondamentale per l’innovazione e che “per migliorare ulteriormente c’è bisogno di impegnarsi in progetti di cooperazione internazionale come l’Italy-China Week, poiché il lavoro sinergico migliora la qualità dei progetti”.

A seguire l’intervento dell’Assessore alle Startup Innovazione ed Internazionalizzazione della Regione Campania Valeria Fascione che ha ribadito l’impegno dell’amministrazione regionale ad adottare strategie di innovazione ed internazionalizzazione per migliorare la competitività del territorio. “Il grande impegno con i colleghi del SIEE ha comportato un miglioramento qualitativo considerevole nel progetto di cooperazione scientifica e tecnologica con la Cina” ha sottolineato l’Assessore, che ha ricordato il grande successo della novità di questa edizione, l’Italy-China Best Startup Showcase, che ha visto coinvolte 22 startup innovative e “market proven” – 11 cinesi ed italiane. Impegnarsi in progetti di cooperazione vuol dire “aprirsi al mondo, alla ricerca, all’innovazione, ed è questo, in prospettiva futura, l’augurio migliore che mi sento di rivolgere a tutti i nostri giovani” ha concluso l’Assessore.

Subito dopo c’è stato l’intervento dell’Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia Li Ruiyu, che ha rimarcato i risultati molto fruttuosi dei processi di cooperazione con l’Italia nel corso degli ultimi anni, sottolineando l’impegno preso dal Governo Cinese nella cornice del G20 ad attuare una strategia basata sullo sviluppo sostenibile.

Il Presidente dei giovani imprenditori di Confindustria Marco Gay, in video collegamento, ha invece sottolineato come iniziative quali l’ITALY-CHINA SCIENCE, TECHNOLOGY & INNOVATION WEEK siano occasioni per rafforzare la cooperazione con la Cina, ribadendo l’“impegno di Confindustria ad essere vicini alle realtà imprenditoriale che intraprendono processi di internazionalizzazione”.

Quindi l’intervento del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, che ha posto l’accento, in un momento di forte innovazione tecnologica, sul tutelare, valorizzare il capitale umano e “costruire un’industria che preservi l’ambiente e il territorio.

Dopo due brevi video sulle tappe di Bergamo e Bologna, commentati dal Rettore dell’Università di Bergamo, Remo Morzenti Pellegrini, e da Alessandra Scagliarini Vice Rettore per le Relazioni Internazionali dell’Alma Mater Studiorum dell’Università di Bologna, Marco Cantamessa, Presidente PNI Cube e Giuliano Noci, Vice Rettore per la Cina del Politecnico di Milano, hanno sottolineato l’avvio della cooperazione sulle startup tra Italia e Cina, in particolare attraverso le due iniziative avviate avviate in seno alla Week: Italy-China Best Startups Showcase, China-Italy Innovation and Entrepreneurship Competition.

La sessione ha visto quindi il momento più atteso con l’intervento dei Ministri. Il Ministro Wan Gang ha sottolineato il crescente successo della Week negli anni, evidenziando che “essa è diventata modello di riferimento per la cooperazione sino-italiana e sino-europea e che l’innovazione è una scelta imprescindibile per uno sviluppo sostenibile. La Cina punta a rafforzare la cooperazione internazionale secondo una strategia di tipo win-win per approfondire il dialogo sull’innovazione”. Il Ministro ha concluso sottolineando che i due Paesi hanno il compito di “cogliere le opportunità strategiche che l’innovazione porta con sé per essere all’altezza delle sfide future”.

Il Ministro Giannini ha fatto un ringraziamento particolare al Ministro Wan Gang sottolineando che i Paesi condividono relazioni culturali e scientifiche secolari. “L’Italia è pronta ad affrontare le sfide globali anche e soprattutto attraverso i risultati della ricerca con una “strategia che non sia schiava del presente e preveda programmi di lungo periodo.

Nel suo intervento Wu JianjunDirector of 5G R&D Huawei European Innovation Institute, ha dichiarato “Puntare ad una infrastruttura di rete del 5G per una migliore connettività orientata al cloud. Bisogna creare un traffico diversificato per ottenere una maggiore controllo del 5G, ossia creare uno standard unificato per garantire una maggiore partecipazione di progetti per garantire un maggiore controllo del 5G. Una tecnologia che possa essere alla portata di tutte le persone. Un canale di comunicazione maggiormente controllato”.

Maria Cristina Russo, Direttore della Cooperazione Internazionale – DG for Research & Innovation European Commission, ha sottolineato, che “la cooperazione è un elemento fondamentale dell’Unione Europea. Una maggiore attenzione nei confronti della ricerca e dell’innovazione può migliorare la competitività dell’Europa. La global of partnership ha generato finanziamenti e lo sviluppo dell’economia. La Cina è un importante Partner tecnologico per l’Europa ed esiste un forte dialogo Ministeriale sull’innovazione, per lanciare insieme progetti all’ Italia progetti comuni. La cooperazione porta alla creazione di un rapporto di fiducia e va a stimolare l’innovazione, e quindi le basi sociali, il rafforzamento del rapporto un miglioramento negli accessi dei programmi. La l’ITALY-CHINA SCIENCE, TECHNOLOGY & INNOVATION WEEK è un’esperienza significativa che permette di trarre degli spunti per guardare a nuovi investimenti a livello Europeo”.

Tra le aziende presenti la SMS Engineering che ha avuto incontri B2B con diversi rappresentanti delle autorità scientifiche cinesi per poter avviare insieme progetti di Ricerca e Sviluppo sulle applicazioni software AQUIS (Aeronautic Quality Improvement System) per il settore aerospaziale e myWMSJIS (Warehouse Management System con logica just in sequence) per il settore automotive per i quali la società partenopea cerca finanziamenti al fine di "migrare" in cloud i due software.

China ottobre 2016

Energy Med 2016 al via Innovation Village
L’innovazione a Napoli dal 31 marzo al 2 aprile: in contemporanea con Energy Med, alla Mostra d’Oltremare di Napoli (padiglione 5). Incontri, dibattiti e presentazioni su opportunità di innovazione e sviluppo per città, aziende e persone.

Innovation Village 2016 intende rappresentare un contesto nel quale l’innovazione si avvicina alle imprese e ai cittadini per promuovere e facilitare circuiti di scambio e comprensione pubblica. Un “villaggio” per mettere in contatto: chi pensa, chi programma e chi produce innovazione. La manifestazione, alla sua prima edizione, è stata programmata in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, che – assieme al nodo campano ENEA della rete Enterprise Europe Network – promuove un’agenda di tavoli di lavoro e incontri one-to-one fra la ricerca e le imprese.

La prima edizione di Innovation Village è anche la prima tappa del roadshow organizzato dall’assessorato all’Innovazione, Startup e Internazionalizzazione della Regione Campania, per la consultazione pubblica relativa alla Strategia di Specializzazione Intelligente (RIS3) e all’Agenda digitale per definire attività e interventi su cui concentrare nei prossimi anni le risorse dei Fondi Europei 2014-2020.

Un’occasione unica per poter contribuire alla definizione delle strategie innovative della Campania.

Nella foto, in alto a destra Massimiliano Canestro di SMS Engineering, l'Assessore all'Innovazione della Regione Campania Valeria Fascione e Giuseppe De Nicola di Ampioraggio.

La manifestazione si è aperta giovedì 31 marzo, alle ore 9,00, con un dibattito tra Gianluca Dettori, fondatore e presidente di Dpixel, società di venture capital nel settore hi-tech, e Valeria Fascione, assessore regionale all’innovazione sulle opportunità della terza rivoluzione industriale.

Investire in tecnologie promettenti e strategiche è stato il tema degli incontri Research to Business (R2B), durante i quali l’offerta degli spin-off e dei ricercatori si è incontrato con la domanda del mondo imprenditoriale dando visibilità a tecnologie già sviluppate.

Approfondire i possibili sviluppi di sistema dei modelli economici legati ai FabLab e ai maker space, è uno degli obiettivi di Innovation Village che si è proposto di contribuire a creare circuiti di connessione fra le reti regionali e nazionali del settore, a partire proprio dal tavolo di lavoro promosso da Italia Lavoro e Mak-ER – la rete dell’Emilia-Romagna che ha il supporto di ASTER.

Le opportunità della digital fabrication per le imprese e i giovani sono state promosse in collaborazione con il centro DREAM di Città della Scienza, innovativo spazio di progettazione e manifattura avanzata; in tale contesto il Mediterranean FabLab, primo laboratorio di fabbricazione digitale del sud Italia, Confartigianato Napoli e Ricart – la rete innovativa di collaborazione dell’artigianato artistico in Campania – presenteranno soluzioni innovative per le aziende; il Mediterranean Fablab, in collaborazione con Ampioraggio e Confartigianato, ha organizzato nel pomeriggio di sabato 2 aprile un maker match, una formula innovativa di incontro in cui i maker si sfidano per rispondere alle problematiche presentate dalle aziende artigiane e dalle PMI.

Tra le novità dell'Energy Med di questo anno la presentazione dello "Spazio Social" dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Nella foto in alto a sinistra il Presidente dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli Luigi Vinci con Massimiliano Canestro.

Energy Med