MICROSOFT NUVOLA ROSA ON TOUR: “OGNI TERRA HA IL SUO TALENTO”

Ogni terra ha il suo talento, ogni donna ha in sé grandi potenzialità per un futuro migliore. L’evento più importante di Nuvola Rosa di Microsoft, tenutosi a Napoli nella Basilica di San Giovanni Maggiore l’11 maggio 2016, ha messo a confronto competenze, idee e visioni di donne straordinarie che hanno cambiato il mondo: è stato un racconto avvincente che è arrivato al cuore delle ragazze, ispirandole a immaginare un futuro senza steccati. Diverse zone del mondo sono state rappresentate attraverso l’esperienza e le parole di donne che hanno fatto strada nel mondo della scienza, della tecnologia, dell’arte, della politica e del sociale. Ogni Paese è una terra di risorse e competenze, a rappresentare le diverse aree del mondo saranno talenti diversi e tutti importanti, ognuno di loro diventerà il portavoce del proprio territorio. Modelli di leadership al femminile, modelli vincenti, case history eccezionali. Espressioni di culture differenti che hanno in comune la capacità di andare oltre stereotipi e ostacoli, di spingersi al di là dei confini per esplorare nuovi mondi. Nuvola Rosa Scienza e tecnologia per ragazze che vogliono fare strada, gli eventi 2016 sono a Napoli, Bari e Cagliari.

Nella Foto sotto da sinistra l’ing. Luigi Vinci Presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli, Roberta Cocco National Plan Director Microsoft Western Europe, il Prof. Giorgio Ventre direttore DIETI, lo Showman Luca Abete, l’ing. Francesco Castagna CEO della SMS Engineering, Paola Andreozzi Microsoft SMB Marketing and CSR Lead; nella foto centrale il CEO di TinkiDoo Sonia China.

nuvola rosa

Fare della basilica di San Giovanni Maggiore un motore di sviluppo economico e di riscatto sociale nel cuore del centro storico di Napoli, con gli ingegneri partenopei a giocare un ruolo da protagonisti:  questa è l'iniziativa legata all’edificio di culto affidato dalla Diocesi di Napoli ai professionisti tecnici partenopei. Il tutto si inquadra nel più ampio progetto denominato “La porta della città ducale per la città antica, per il riscatto e il risveglio morale della città”, promosso dall’Ordine degli ingegneri, guidato da Luigi Vinci, attraverso il braccio operativo costituito della Fondazione e dall’Associazione degli ingegneri napoletani